Elica a pale fisse in navigazione a vela

20 marzo 2009 - autore

elica Nel tentativo di minimizzare l’attrito con l’acqua durante le navigazioni a vela, la moderna tecnologia ci ha messo a disposizione eliche molto sofisticate a pale abbattibili, orientabili, passo variabile, e chi più ne ha più ne metta.

Se la vostra imbarcazione monta una max-prop, una j-prop o altre eliche simili, allora potete evitare di leggere questo articolo.

Ma se anche voi, come me, montate la classica bipala o tripala fissa, allora vi sarete certamente chiesti se navigando a vela sia meglio tenere la marcia inserita (e quindi l’elica ferma), oppure in folle, consentendo in quest’ultimo caso all’elica di ruotare liberamente sull’asse.

Quale di queste due situazioni generano un minor attrito sull’acqua? Elica ferma oppure elica in rotazione?

E’ convinzione comune che sia meglio mantenere l’elica in rotazione, poiché il movimento di “avvitamento” di questa nell’acqua servirebbe proprio a ridurre la resistenza all’avanzamento.

In effetti è vero l’esatto contrario.

Lo sapete che un elicottero può tranquillamente atterrare senza danni anche a motore spento? Vi garantisco che è proprio vero. A patto, però, che il rotore possa continuare a girare sotto l’effetto della corrente d’aria sviluppata per effetto della discesa verticale. Se il rotore (=elica) fosse bloccato, l’elicottero cadrebbe come un sasso.

E’ proprio l’effetto di autorotazione dell’elica che rallenta la discesa, sviluppando una forza che si oppone a quella di gravità.

Ciò che vale per l’elicottero vale naturalmente anche per la nostra barca a vela: sempre di eliche e di fluidi si tratta, e le leggi fisiche cui obbediscono sono le stesse!

Quindi ricordatevi: sempre meglio bloccare l’elica inserendo la marcia. Oltretutto si risparmiano gli ingranaggi della trasmissione Wink

Clicca questo collegamento per leggere altri articoli taggati “fisica della vela


Be the first to rate this post

  • Currently 0/5 Stars.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Effetto evolutivo dell'elica

6 novembre 2008 - autore
Effetto evolutivo
Tutti sanno che la funzione principale di un'elica è quella di trasformare il moto rotatorio dell'albero del motore in propulsione per l'imbarcazione.
Molte e complesse sono le forze che entrano in gioco in questo processo e la risultante di tutte queste forze è un vettore orientato "più o meno" in direzione parallela all'asse dell'elica, quindi ovviamente nel senso di avanzamento della barca stessa.
Ho detto "più o meno" in quanto una frazione della forza propulsiva generata dall'elica è invece orientata perpendicolarmente all'asse dell'imbarcazione. Questa forza è il risultato del cosiddetto effetto evolutivo dell'elica.
Per chiarezza, l'effetto evolutivo è sempre esercitato nella direzione di rotazione dell'elica: quando questa ruota verso destra produce una forza diretta a destra e viceversa quando ruota verso sinistra.
Il risultato è che la poppa viene spostata verso destra o sinistra e la barca gira di conseguenza.
Ed è proprio grazie a questo effetto evolutivo che le nostre manovre di ormeggio in porto risultano solitamente più difficili di quanto non ci si aspetterebbe.
L'effetto è presente sia quando l'imbarcazione avanza, sia quando retrocede, ma è proprio in quest'ultimo caso che diventa più avvertibile e fastidioso.
Ciò è dovuto principalmente a due fatti:
More...

Be the first to rate this post

  • Currently 0/5 Stars.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Post in evidenza

Pannelli fotovoltaici flessibili

Recensione di leggerissimi pannelli flessibili in silicio policristallino ad alto rendimento. Kit completi di regolatore e accessori a prezzo scontato per i lettori del blog

blog.veleggiando.it
Il Generatore Eolico

Come scegliere un Generatore Eolico per la barca. Il confronto tra diversi modelli in commercio vede uscire vittorioso il Silentwind, che infatti era il più diffuso tra i partecipanti alla ARC 2015

blog.veleggiando.it
La regolazione delle vele

Un breve articolo in 2 puntate che spiega i concetti base della regolazione delle vele

blog.veleggiando.it
I consumi elettrici e le batterie

Conoscere i consumi elettrici a bordo è importante per calcolare l'autonomia delle batterie servizi. Ecco come fare

blog.veleggiando.it
Sali a bordo con me

Vuoi trascorrere un piacevole fine settimana a bordo di Aonami? Leggi qui le 'regole di ingaggio'

blog.veleggiando.it

Abbonamenti

Categorie

Translations

Parole chiave (Tags)