Effetto evolutivo dell'elica

6 novembre 2008 - autore
Effetto evolutivo
Tutti sanno che la funzione principale di un'elica è quella di trasformare il moto rotatorio dell'albero del motore in propulsione per l'imbarcazione.
Molte e complesse sono le forze che entrano in gioco in questo processo e la risultante di tutte queste forze è un vettore orientato "più o meno" in direzione parallela all'asse dell'elica, quindi ovviamente nel senso di avanzamento della barca stessa.
Ho detto "più o meno" in quanto una frazione della forza propulsiva generata dall'elica è invece orientata perpendicolarmente all'asse dell'imbarcazione. Questa forza è il risultato del cosiddetto effetto evolutivo dell'elica.
Per chiarezza, l'effetto evolutivo è sempre esercitato nella direzione di rotazione dell'elica: quando questa ruota verso destra produce una forza diretta a destra e viceversa quando ruota verso sinistra.
Il risultato è che la poppa viene spostata verso destra o sinistra e la barca gira di conseguenza.
Ed è proprio grazie a questo effetto evolutivo che le nostre manovre di ormeggio in porto risultano solitamente più difficili di quanto non ci si aspetterebbe.
L'effetto è presente sia quando l'imbarcazione avanza, sia quando retrocede, ma è proprio in quest'ultimo caso che diventa più avvertibile e fastidioso.
Ciò è dovuto principalmente a due fatti:
  • la pala del timone è generalmente progettata per operare al meglio in avanzamento, e quindi è meno efficiente a marcia indietro
  • a marcia avanti, anche ad imbarcazione ferma o con leggerissimo abbrivio, il flusso d'acqua spostata dall'elica investe la pala del timone con conseguente aumento della portanza e quindi della manovrabilità.
Aggiungo che l'effetto evolutivo a marcia indietro non si fa sentire con la stessa intensità su tutte le barche.
Ci sono infatti diversi fattori che influenzano l'effetto di questa forza sullo spostamento della poppa: la forma della carena (le chiglie lunghe tendono a mantenere la barca dritta), la distanza dell'elica dal centro di deriva dell'imbarcazione (i saildrive in questo senso sono avvantaggiati rispetto ad una trasmissione in linea d'asse) e, non ultima, l'elica stessa ovviamente gioca un ruolo fondamentale.
La mia prima barca è stata una Alpa 9.50 e mi ricordo le sudate e le fatiche ogni volta che cercavo di ormeggiarla di poppa!
Quella barca a marcia indietro e velocità inferiori ai 2 nodi (!!!) non ne voleva proprio sapere di girare la poppa a destra (aveva l'elica destrorsa).
Dopo alcuni tentativi finivo sempre per... ormeggiare di prua.
Non mi rendevo ancora conto che non sarei mai riuscito a far fare alla barca una manovra che lei NON POTEVA FARE.
Ma appena ho capito questo, ho anche imparato che bastava pensare alla manovra corretta (quella che asseconda l'effetto evolutivo) per sfruttare questa caratteristica a mio vantaggio.
Alla fine questo bizzarro comportamento si è dimostrato essere quasi utile quanto un'elica di prua. Avete capito?
Riuscivo incredibilmente a ruotare la barca da ferma su sé stessa di 180 gradi agendo soltanto sulla leva del motore (un colpetto deciso in avanti e poi subito uno indietro per due o tre volte col timone tutto a dritta)
Allo stesso modo potevo fare manovra per accostare parallelamente ad un pontile con spazi di manovra ridotti (arrivando quasi perpendicolare al pontile e mettendo all'ultimo marcia indietro e timone a dritta) oppure lo sfruttavo per togliermi d'impiccio nelle situazioni più critiche (vento al traverso, ecc.)
L'importante era pensare sempre in anticipo alla manovra da fare tenendo conto del comportamento che avrebbe avuto la barca e cercando di sfruttarlo a proprio vantaggio.
Sembra tutto facile e scontato, ma finchè non lo si capisce...

Morale della favola: l'effetto evolutivo, se lo conosci... non potrai più farne a meno!


Be the first to rate this post

  • Currently 0/5 Stars.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Related posts

Comments

Concordo pienamente. Forse quando scrivi "arrivando quasi perpendicolare al pontile e mettendo all'ultimo marcia indietro e timone a dritta intendi "arrivando quasi parallelo al pontile"?
In ogni caso l'effetto evolutivo e' utilissimo!


ciao

francesco   novembre 6. 2008 17:26

Ciao Francesco,
intendevo proprio dire "perpendicolarmente".
Cioè, quando non hai spazio per arrivarci parallelamente (nel qual caso sarebbe più facile), allora ci arrivi dritto contro con la prua e poi giri la barca di 90 gradi sfruttando l'effetto evolutivo a marcia indietro che si somma all'effetto del timone.
Ciao

Roberto Minoia   novembre 6. 2008 17:34

Forse ho capito: stai descrivendo una manovra di accosto al pontile, in altre parole vuoi metterti parallelo ad esso? se e' cosi' sono d'accordo, altrimenti per l'ormeggio classico di poppa non ti seguo... perdonami

ciao

francesco   novembre 6. 2008 17:41

Sì, sì, scusa, non mi sono spiegato bene.
Cerco di modificare subito la frase.
Grazie

Roberto Minoia   novembre 6. 2008 17:59

Ciao a tutti… mi chiamo Alessio e sono uno studente di prodotto industriale del politecnico di Milano;attualmente sto svolgendo delle ricerche per portare avanti il mio progetto di tesi di laurea con il quale mi voglio occupare di piani cottura e basculanti sulle imbarcazioni. Tramite blog come il vostro sto cercando di coinvolgere persone appassionate e utenti come voi ai quali posso rivolgere alcune domande relative alle problematiche che si incontrano cucinando in barca …se siete disponibili a “divertirvi” e darmi una mano in questa avventura mi potete contattare all’indirizzo alessio.monzani@googlemail.com o postare un commentino sul blog se non disturba !!!
Grazie a tutti scusate l’intrusione

alessio   novembre 10. 2008 22:29

scusa se ho capito bene se devo ormeggiare entrando di poppa in un posta alla dx devo girare la barca di 180° in maniera da ritrovarmi con l'entrata a sinistra. giusto
grazie

marcello   marzo 26. 2010 18:07

Se la tua elica è destrorsa (cioè a marcia indietro gira in senso antiorario) è proprio così come hai detto.
Se invece è sinistrorsa allora vai bene se il posto è alla tua destra
Ciao

Roberto Minoia   marzo 26. 2010 18:16

Add comment


 

[b][/b] - [i][/i] - [u][/u]- [quote][/quote]



Nota: Per problemi di Spam i commenti sono moderati, quindi non saranno immediatamente visibili.

Comments are moderated. Spammers will be censored!

Post in evidenza

Pannelli fotovoltaici flessibili

Recensione di leggerissimi pannelli flessibili in silicio policristallino ad alto rendimento. Kit completi di regolatore e accessori a prezzo scontato per i lettori del blog

blog.veleggiando.it
Il Generatore Eolico

Come scegliere un Generatore Eolico per la barca. Il confronto tra diversi modelli in commercio vede uscire vittorioso il Silentwind, che infatti era il più diffuso tra i partecipanti alla ARC 2015

blog.veleggiando.it
La regolazione delle vele

Un breve articolo in 2 puntate che spiega i concetti base della regolazione delle vele

blog.veleggiando.it
I consumi elettrici e le batterie

Conoscere i consumi elettrici a bordo è importante per calcolare l'autonomia delle batterie servizi. Ecco come fare

blog.veleggiando.it
Sali a bordo con me

Vuoi trascorrere un piacevole fine settimana a bordo di Aonami? Leggi qui le 'regole di ingaggio'

blog.veleggiando.it

Abbonamenti

Categorie

Translations

Parole chiave (Tags)