Ferretti Yachts acquistata dai Cinesi

12 gennaio 2012 - autore

Ferretti Yachts

Un altro pezzo di Italia che viene svenduto e passa in mano a gruppi industriali di altri paesi.

E’ infatti di queste ore l’annuncio ufficiale che la Ferretti Yachts, già in crisi da tempo, ha ceduto la maggioranza (75%) ad un gruppo cinese controllato dallo Stato, che fino a ieri produceva trattori.

L’operazione è costata al gruppo cinese 178 milioni di euro, oltre ai quali però deve essere considerato anche l’attuale indebitamento della Ferretti, che assomma a 580 milioni di euro.

Considerato che il 25% del capitale del Gruppo Ferretti era già in mano a società straniere, con quest’ultima operazione l’Italia perde definitivamente un’altra azienda che per molti anni è stata un modello preso ad esempio nella cantieristica mondiale degli yacht di lusso.

E’ una vera tristezza, ma ormai non ci rimane altro che sperare che, come annunciato dal gruppo cinese, la produzione venga mantenuta in Italia.

Ma per quanto tempo sarà così?

E questa è solo l’ultima di una serie di alienazioni che ahimè non riguardano soltanto la cantieristica nautica (ricordo solo la vendita dei Cantieri Del Pardo), ma anche numerose altre aree produttive e commerciali italiane, che piano piano stanno finendo in mano a gruppi stranieri. Pensiamo solo alla grande distribuzione…

Frown


Be the first to rate this post

  • Currently 0/5 Stars.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Related posts

Comments

Anni ed anni che non seguo il mondo degli "sparacchioni" ma a suo tempo, il gruppo Ferretti mi pèare fosse considerato un riferimento di efficienza, sobrietà e produttività, un pò in antitesi con l'appariscenza forzata di AZ.
Avevano acquisisto buona parte della cantieristica a motore italiana, all'estero pure un colosso USA come Bertram...
E ora indebitati all'osso e venduto tutto ai cinesi...
Oh tempora.... Frown

Simone   gennaio 12. 2012 12:27

E cosa ci avremmo dovuto aspettare? In Italia non c'è più nemmeno un solo prodotto. come potremmo mai parlare di PIL ? L'unica speranza è che l'Eni sfoderi qualche idea-progetto che ha nel cassetto per dare lustro alla nostra attuale Italietta, tale che possa dare una svolta positiva sul mercato internazionale e conquistare quote di mercato significative -made in Italy- Comunque se i Cinesi rimangono in Italia e mi sembra che ci siano i presupposti forse porebbero essere più bravi di noi e sviluppare anche un volano di lavoro in Italia. Auguriamocelo!

Pierstefano   gennaio 13. 2012 10:03

E per fortuna che se la sono comprata. Altrimenti altri licenziamenti.

Dino   gennaio 13. 2012 10:33

La crescita del pil cinese è del +9.5%, crescita del pil italiano è del -0.1%. I paesi del BRICK stanno crescendo a dismisura,questo è un bene anche per i prodotti made in italy.La domanda per i prodotti italiani crescereanno man man che miglioreranno la classe media di questi paesi.Il gruppo cinese ha comprato la holding ferretti,vuol dire che se la puo permettere.Questa operazione permette anche di salvare i posti di lavoro di miglia di persone.Se un azienda vuole cresce o restare viva deve fare delle scelte.Pensate un po alla famiglia toyota ne possiede soltanto 1% della toyota, hanno sacreficato le loro quote per salvare l'azienda.. e pensate alla famiglia agnelli.. dall'inizio del 900 hanno sempre avuto il 29% del azienda, non hanno mai pensato nel interesse del azienda.Insomma la toyota è il piu grande produttore di auto al mondo e la fiat fa fatica restare a galla anche con i sovenzioni dello stato.Vi lamentate tanto dei politici e la classe dirigente italiana e nel vostro piccolo ragionate esattamente come loro..

Gayan   gennaio 13. 2012 10:33

Per come noi italiani stiamo gestendo il business, la politica, lo stato, il fisco, e mille altre cose... mi comincio a chiedere se c'è qualcuno al mondo capace a fare peggio di noi... Frown((

L'annuncio che manterranno la produzione in italia... mi sembra un'ulteriore presa per i fondelli. Un po' come andare a chiedere ad Abano i nomi di chi ha speso più di 2mila euro per fargli l'accertamento! Bravi! Così quella poca gente che ha ancora la voglia e la possibilità di spendere soldi, la prossima volta li va a spendere nelle terme austriache. E quando poi si accorgerà che il rapporto qualità/prezzo non ha paragoni, hai voglia a fare manovre per rilanciare l'economia!

Sono affermazioni sicuramente pessimiste, ma uno Stato che, non è in grado di colpire l'evasione (quella vera!...forse perchè dovrebbe partire proprio dalle grandi manovre di banche & c.) e si riduce a colpire la ricchezza... non può andare da nessuna parte!

Liliana   gennaio 13. 2012 10:34

@‎Liliana,
per ora mantenere la produzione in Italia serve a mantenere alto il nome del cantiere, considerato che il "made in Italy" è ancora un segno di qualità. Ma per quanto tempo ancora? Due anni? Tre?....

Roberto Minoia   gennaio 13. 2012 10:39

Dal portale Indymedia
https://london.indymedia.org/articles/11990
http://piemonte.indymedia.org/article/14642
I Cinesi si pappano anche Ferretti Yachts
Il Premier Mario Monti in questi giorni in Cina: “vi prego Investite in Italia”.
Ed il più prestigioso marchio di Yacht di lusso italiano passa ai figli di Mao Tse Tung. Con Monti la CINA … è più viCINA.
Dell’Italia, i cinesi hanno copiato un po’ di tutto. Dalle vasche idromassaggio della Iacuzzi alle manifatture griffate dei più famosi stilisti italiani (Gucci, Prada, Dolce & Gabbana, Fendi, Versace, Ferragamo, Bulgari, etc etc ). E’ risaputo che questi “onolevoli investitoli” adorano visitare le città d’arte (nonchè fare shopping negli outlet italiani). Per poterlo fare più comodamente senza muoversi da casa loro, hanno pensato bene di fare copia & incolla persino di interi paesaggi. Ad un tiro di schioppo da Shanghai hanno riprodotto fedelmente, in scala, il Canal Grande di Venezia (dalle case alle gondole) replicando pure la baia di Portofino ed il Colosseo. I maestri del plagio hanno riprodotto fedelmente addirittura le cittadelle dello shopping italiano (Florentia Village ad esempio è una fotocopia perfetta del Serravalle Outlet Village). Gli manca il Parmigiano Reggiano ed il Pesto alla Genovese (che copiano già egregiamente) e fanno l’ein plein. Considerate inoltre che Bank of China (nonché altre grandi istituzioni finanziarie cinesi e fondi sovrani) stanno rastrellando avidamente quantità industriali di titoli di Stato del nostro debito pubblico (si calcola che il gigante asiatico abbia in mano almeno un bel 10% dei bond dei paesi di tutta l’area Euro). Non è molto rassicurante per le nostre imprese e le nostre banche. Chissà se è questo il giochetto che i finanzieri con gli occhi a mandorla avevano in mente quando pensavano allo “Shanghai in Italia” (è quel giochino un pò crudele che consiste nel prendere le ossette delle nostre migliori imprese nazionali le spezzettano in 1000 pezzi e ci giocano … appunto lo Shanghai). Si calcola che tra non molto i cinesi saranno così tanti (e così potenti) che potranno tranquillamente fondare il loro partito (P.C.I. – Partito Cinese Italiano) prendendo così il controllo - oltre che dell’economia - anche della politica italiana.
Ma i magheggi non finiscono quì. Sti cinesi si son messi in testa un’idea meravigliosa. Si son detti: “perché fermarci al clone e non comprarci pure l’ originale? Visto che come paese siamo sulla via del fallimento e con la merda fino al collo (scusate la classe) in Italia hanno cominciato ad arraffare di tutto: alberghi, ristoranti, fabbriche, interi distretti produttivi (come quello del tessile). E si stanno comprando tutti pezzi raffinati dell’industria, mica schifezze.
Uno degli imprenditori cinesi più intraprendenti ad esempio, tal Mr. Tan Xuguang, Presidente di SHIG Shandon Heavy Industry Group – Weichai Group Holding (una Multinazionale controllata dalla Repubblica Popolare Cinese) data la sua passione per jet, yacht e auto di lusso ha pensato bene di comprarsi in italia un bel giocattolino. Dal momento ch’era alla ricerca della perfezione s’è portato a casa nientepocodimeno che il controllo del Gruppo Ferretti Spa, il più prestigioso produttore italiano di yacht di lusso (Carlo Riva diceva: “se i miei motoscafi non erano perfetti li rompevo personalmente a martellate”). Ferretti è il leader mondiale nella progettazione, costruzione e commercializzazione di yacht, con un portafoglio unico di prestigiosi marchi tra i più esclusivi della nautica: Ferretti Yachts, Pershing, Ferretti Custom Line, Riva, Mochi Craft, Itama, AMA, Bertram, CRN. Sti qui venuti da Pechino si son pappati proprio tutto il Gruppo Ferretti sborsando solo 374 milioni di euro (e pensate che con questa operazione hanno investito solo i loro spiccioli). Purtroppo era il prezzo da pagare per non dover portare i libri contabili in tribunale. Un secolo di storia della nautica di lusso su cui ora sventola bandiera rossa. Un vero colpo di grazia per il Made Italy. Lo smacco è che hanno anche preso due piccioni con una fava. Ben due business in un colpo solo. Si perché con l’acquisizione di Ferretti Yacht hanno scippato pure l’esclusiva incontrastata del RINA-Registro Italiano Navale, che da sempre certifica tutte le imbarcazioni del Gruppo Ferretti. Con il nuovo management con occhi a mandorla c’è da scommettere che le certificazioni di tutti i natanti Ferretti sarà (ovviamente) sottratta al RINA e dirottata a CCS - China Classification Society, la società di certificazione cinese. Ma state sereni. L’Ing. Ugo Salerno ha già previsto tutto ed ha preso per tempo le opportune contromisure. Pochi giorni infatti, è volato a Beijing per siglare - con una certa discrezione - un importante accordo di cooperazione. Indovinate con chi? Esatto, proprio con CCS - China Classification Society, il Registro di classificazione navale cinese, che come il RINA è membro di IACS-International Association of Classification Societies (v. documento allegato pdf e qui riprodotto “Rina – CCS: Dual Class Agreement”).
Se date un’occhiata al “Piano Industriale e Finanziario 2012-2015 Gruppo Ferretti e Ferretti Spa” (anche questo qui allegato e riprodotto pdf) vi renderete subito conto della tragica situazione patrimoniale in cui versa la società. Fatturati netti in forte calo su tutti i fronti e per tutti i marchi, debiti in sensibile ascesa (oltre un miliardo di euro di cui 690 milioni di euro solo con Royal Bank of Scotland), un feroce piano di ristrutturazione dell’indebitamento e di negoziazione con i creditori, un patrimonio netto ampiamente negativo - al 31 ottobre 2011 - per circa 331 milioni di euro (v. Doc. “Dichiarazione ex Art. 182 Bis comma 6 l.f. Ferretti Spa” del revisore contabile Dott. Giovanni La Croce qui allegato pdf e riprodotto). Comunque i consulenti La Croce e Marco Giulio Sabatini unitamente agli advisor finanziari e legali (HSBC Bank, Studio D’Urso, Studio Bianchi & Gatti, Linklaters team e Studio Legale Maffei Alberti) stanno facendo un’ottimo lavoro.
Se tutto procede bene, ad ottobre 2012, per il prossimo Salone Nautico Internazionale di Genova probabilmente potremo vedere già, i primi mitici panfili superlusso della Ferretti con la bella la scritta “Ferretti Yacht - Made in China”.
Però, dirà qualcuno di voi, se andiamo avanti di questo passo a noi non ci resterà più niente. Che faremo? Pur non scartatndo l’idea (visto che son tanti) di andare a vendere riso ai cinesi, che si potrebbe fare?
Visto che l’Italia salà quasi tutta cinese, potlemo semple andale in Cina e copiale i plodotti occidentali che i cinesi hanno complato da noi. E poi livendele tutto a costi lidicoli in Italia.
Attenzione… che la CINA … è s’avviCINA.
.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.
Doc. Pdf. all: “Studio_La_Croce_Ferretti_2012”
Doc. Pdf. all: “Ferretti_Piano_Industriale_2012-2015”
Doc. Pdf. all: “Rina_CCS_Dual_Class_Agreement”
.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

misterbean   aprile 3. 2012 10:45

Add comment


 

[b][/b] - [i][/i] - [u][/u]- [quote][/quote]



Nota: Per problemi di Spam i commenti sono moderati, quindi non saranno immediatamente visibili.

Comments are moderated. Spammers will be censored!

Post in evidenza

Pannelli fotovoltaici flessibili

Recensione di leggerissimi pannelli flessibili in silicio policristallino ad alto rendimento. Kit completi di regolatore e accessori a prezzo scontato per i lettori del blog

blog.veleggiando.it
Il Generatore Eolico

Come scegliere un Generatore Eolico per la barca. Il confronto tra diversi modelli in commercio vede uscire vittorioso il Silentwind, che infatti era il più diffuso tra i partecipanti alla ARC 2015

blog.veleggiando.it
La regolazione delle vele

Un breve articolo in 2 puntate che spiega i concetti base della regolazione delle vele

blog.veleggiando.it
I consumi elettrici e le batterie

Conoscere i consumi elettrici a bordo è importante per calcolare l'autonomia delle batterie servizi. Ecco come fare

blog.veleggiando.it
Sali a bordo con me

Vuoi trascorrere un piacevole fine settimana a bordo di Aonami? Leggi qui le 'regole di ingaggio'

blog.veleggiando.it

Abbonamenti

Categorie

Translations

Parole chiave (Tags)