Lucidare gelcoat e vetroresina senza fatica e con poca spesa

28 luglio 2014 - autore
vai al sito e compra

Fase di lucidatura murata

 

Una barca blu è bellissima, elegante, come negarlo?

Prima del trattamento Peccato che il tempo, e specialmente i raggi UV del sole, siano acerrimi nemici di gelcoat e vernici pigmentate, e così dopo qualche anno quella che era una bellissima barca blu si trasforma in una vecchia brutta copia, con le murate dell’opera morta completamente scolorite ed opacizzate. (qui a fianco la mia barca prima del trattamento)

La lucidatura tradizionale, effettuata con polish e cera, ridona splendore all’imbarcazione, ma l’effetto cera non dura molto: di solito dopo tre-sei mesi si è di nuovo punto e a capo.

Inoltre la lucidatura, se fatta a regola d’arte, è un’operazione lunga e faticosa. Se eseguita da personale specializzato (cantiere) è abbastanza costosa. Il prezzo per una barca a vela intorno ai 12 metri di lunghezza si aggira tra gli 800 e i 1000 euro.

Le soluzioni “definitive”, che durano di più sono sostanzialmente due:

 

Verniciatura scafo

Riverniciare una barca non è cosa semplice. Il prezzo per una barca di 12 metri varia tra i 5.000 e gli oltre 10.000 euro, a seconda di come viene effettuato il lavoro (disalberamento? sosta in capannone? ecc.)

 

Ravvivamento gelcoat (solo per barche con gelcoat pigmentato)

Consiste nella rimozione di pochi micron dello strato superficiale del gelcoat rovinato dagli UV e si ottiene con la carteggiatura ad acqua con grana 1000 e/o 2000, seguita da una normale lucidatura. Prezzo minimo 2.000 euro. Se eseguito bene, il risultato può durare parecchi anni. Di fatto è quasi equivalente ad una verniciatura.

 

Esistono anche altri metodi alternativi: dal wrapping all’uso di prodotti nanotecnologici o siliconici, che tuttavia sono sempre abbastanza costosi anche perché il lavoro deve essere eseguito da personale specializzato, e comunque quasi mai garantiscono un risultato definitivo.

 

La soluzione fai-da-te semplice ed economica

Durante il trattamento Siccome anche io da qualche anno sono afflitto dal problema dello scafo blu scolorito e opacizzato, mi sono messo alla ricerca di un prodotto lucidante alternativo, semplice da utilizzare, in modo da poter eseguire il lavoro io stesso, e possibilmente economico. Dopo essermi informato approfonditamente sui vari prodotti presenti sul mercato, la mia scelta è caduta sul Poli Glow.

Poli Glow è un prodotto made in USA, distribuito in esclusiva per il mercato italiano da www.negozioequo.com

Ho acquistato un kit per il trattamento completo, composto da:

  • Kit Poli Glow Un litro di Poli Prep (soluzione “preparatoria” ). Si tratta in pratica di un detergente molto potente e concentrato, che deve essere utilizzato prima dell’applicazione del Poli Glow per rimuovere sporco, grasso, cera, ecc. La superficie prima dell’applicazione del Poli Glow deve essere perfettamente pulita per fare in modo che il prodotto aderisca perfettamente.
  • Un litro di Poli Glow. Questo è il prodotto “magico”. E’ una soluzione acquosa di poliuretano. Si stende sull’opera morta tramite uno speciale applicatore in pelle sintetica, contenuto nella confezione.
  • Applicatore-poliglow Applicatore. E’ costituito da un supporto in plastica con della spugna ricoperta da una pelle sintetica.
  • Spazzola sintetica per il lavaggio preparatorio.
  • Guanti monouso.

Dopo un’accurata pulizia con una soluzione di Poli Prep diluito in acqua, bisogna stendere il Poli Glow cospargendone piccole quantità sull’applicatore, che deve essere mantenuto costantemente umido. Quindi si procede a stendere il prodotto come se fosse una vernicetta trasparente (anche se in effetti non lo è ), cioè con movimenti paralleli e dolci. Nel video in fondo all’articolo potete constatare quanto sia facile e veloce

La prima volta che si utilizza il prodotto, se il gelcoat è molto mal messo come nel mio caso, ci vorranno circa otto passate prima che il risultato diventi eccezionale. Non demoralizzatevi quindi se dopo aver dato 3-4 mani la superficie apparirà ancora opaca.

Questo perché all’inizio il gelcoat, reso poroso dagli agenti atmosferici, assorbe il Poli Glow. Nelle ultime passate il sorriso tornerà a splendere sui vostri volti: il risultato va davvero al di là di ogni immaginazione! Quello che si vede nel video e nella foto all’inizio di questo articolo, è stato ottenuto senza alcuna preparazione particolare della superficie, se non una semplice pulizia con una soluzione di Poli Prep.

Poli Glow Si ottiene un “effetto bagnato” duraturo e resistente agli UV e, entro certi limiti, all’abrasione.

Tra una mano e l’alta basta aspettare pochissimo: nel periodo estivo un paio di minuti sono sufficienti. Ed è vero che 8 mani sono tante, ma è anche vero che l’operazione è velocissima e, perché no, anche piacevole. In ogni caso assolutamente non faticosa, niente a che vedere rispetto ad una lucidatura con cera o polish.

Anche il costo è contenuto, specialmente se confrontato con una lucidatura a cera: un kit completo costa circa 150 euro ed è sufficiente per trattare una barca a vela di 10 metri. In realtà io ci ho fatto tutta la mia (12,50 metri) e ne ho avanzato anche un po’.

Una barca di 12 metri si fa in meno di una giornata di lavoro (8-9 passate).

Il Poli Glow forma una sottilissima pellicola poliuretanica che dona alla superficie una lucentezza come se fossa bagnata. Questa pellicola è resistente agli agenti atmosferici e ai detersivi neutri, quindi si può lavare senza problemi con acqua e sapone neutro. Non bisogna assolutamente usare detersivi acidi o alcalini in quanto rimuovono il Poli Glow.

Il trattamento con Poli Glow non è definitivo. Non può quindi essere paragonato ad una verniciatura, però dura di più rispetto ad una lucidatura a polish e costa meno.

L’anno scorso avevo trattato solo un pezzo, giusto per testare il prodotto. Quest’anno sulla parte già trattata, che aveva parzialmente perso la lucentezza, sono state sufficienti solo 2-3 mani per farla splendere.

In definitiva mi sembra un ottimo prodotto, semplice da utilizzare, che necessita solo di un po’ di pratica all’inizio, e qualche piccola attenzione. Per esempio è importante evitare di ripassare su una zona in cui il prodotto non si è ancora bene asciugato, perché così facendo si formerebbero delle striature sulla superficie. Altra cosa importante è quella di sciacquare bene in acqua l’applicatore almeno una volta ogni ora. Le istruzioni all’interno del kit sono molto precise, ma se avete bisogno di qualche consiglio contattatemi pure attraverso questo blog.

Dopo qualche anno di ripetuto utilizzo del Poli Glow potrebbe essere necessario rimuoverlo completamente prima di effettuare  un nuovo trattamento. L’operazione sembra essere molto facile, poiché esiste un prodotto specifico che deve essere spruzzato sulla superficie e subito lavato via con acqua. Non l’ho ancora provato, ma ho letto in vari forum che effettivamente funziona.

Guardate il video qui sotto e, se vi va, ditemi cosa ne pensate.

 

vai al sito e compra

Currently rated 5.0/5  (5 votanti)

  • Currently 5/5 Stars.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Related posts

Comments

caspita, eccezionale .......

luciano   luglio 28. 2014 17:05

Be solo 9 Mani.....
preferisco carteggiare con carta fine e dare il polish, 9 mani, per un 12 mt, sono 200mq2 da passare a mano??????????
ma siete pazzi?

rosario   luglio 28. 2014 19:44

funziona anche con gel coat bianco?

stefano   luglio 28. 2014 20:34

@Rosario, è davvero velocissimo da dare. Hai visto il video? Non ci si mette niente. L?anno scorso ho anche provato a lucidare con polish e lucidatrice, ma dopo un paio d'ore e una fatica bestia ho lasciato perdere. Credimi, non c'è paragone

Roberto Minoia   luglio 28. 2014 21:58

@Stefano, funziona anche sul gelcoat bianco. L'effetto che si ottiene è come se fosse bagnato. Se il tuo gelcoat bagnato è bello, probabilmente lo sarà anche una volta applicato questo prodotto. Non so se mi sono spiegato. Se mi mandi un paio di foto ti posso dare qualche consiglio

Roberto Minoia   luglio 28. 2014 21:59

Bè che dire visto cosi sembra ottimo!!!!
Chi sa se sulla mia barca con gelcoat originale di colore beige e di ben 28 anni riuscirei ad ottenere il solito risultato..
Da asciutta è più chiaro mentre bagnadola si scurisce un pochino..
Sono molto curioso ma allo stesso tempo un pò scettico....

michele   luglio 28. 2014 23:51

Michele, ti capisco, perché l'anno scorso ero scettico anche io, proprio come te

Roberto Minoia   luglio 28. 2014 23:57

Grazie mille per come informi in maniera limpida le persone.

Klaus   luglio 29. 2014 07:30

Buongiorno. Ho anch'io uno scafo di colore blu (beneteau) che ho hatto lucidare ad aprile. Non ti dico come è già ridotto! Chiedo se c'è qualche esperienza di utilizzo di questo prodotto avendo la barca in mare. Voglio dire è possibile effettuare il trsttamento da un tender o dalla banchina? non sarà il top ma il risultato della parte "asciutta" sarà quello atteso? Grazie

Nicola   luglio 29. 2014 09:49

@Nicola, puoi facilmente dare il prodotto dal tender o dalla banchina se ormeggi all'inglese. Però la cosa importante è NON BAGNARE il prodotto appena dato, per circa 24 ore, altrimenti si rovina.
Oltre a ciò, devi considerare che sui colori scuri non si può dare al sole, quando la superficie è troppo calda. Quindi dovrai aspettare che il sole cali e la superficie si raffreddi

Roberto Minoia   luglio 29. 2014 09:55

Grande Roberto!
Proprio in questi giorni guardando l'opera morte della mia barca, colore bianco, pensavo che al prossimo rimessaggio mi sarebbe toccato l'onere di doverla lucidare. L'ultima volta che l'avevo fatto fare, 6 anni fa, avevo speso un botto per perdere l'effetto dopo neanche un paio di mesi...
Grazie per il suggerimento.
BV

Fabrizio Nenna   luglio 29. 2014 12:23

Complimenti è veramente eccezionale a vedere dal video. Spero idem al video nel farlo. Peccato a saperlo un po prima, giusto qualche settimana fa ho fatto la lucidatura con polish alla mia barca; un gran culo!!! Cmq. chiedo al blog dove acquistare il kit. Grazie

Ersilio, Alessandro Tridello   agosto 4. 2014 15:18

È davvero facile e il risultato è come nel video, ti assicuro.
Lo puoi acquistare in internet qui: http://www.negozioequo.com/it/kit-poli-glow

Roberto Minoia   agosto 4. 2014 19:35

Il video é veramente convincente, vorrei però sapere se il trattamento si può utilizzare tranquillamente sulla vetroresina e sul gelcoat della coperta, del pozzetto e della tuga, cioè tutto ciò che non é lo scafo vero e proprio. Grazie

Gino   settembre 3. 2014 10:41

Ciao Gino, io l'ho provato solo sull'opera morta, ma in effetti non vedo perché non si debba potere utilizzare anche sul gelcoat della coperta...
Io ho provato solo sulle bande blu che scorrono ai lati della tuga.
Per fortuna il gelcoat della mia coperta è ancora lucido.
Se nel caso ti dovessero servire consigli per l'utilizzo contattami pure.
Ciao

Roberto Minoia   settembre 3. 2014 10:46

Ciao Roberto,

per caso hai qualche feedback o qualche info sull'utilizzo del polyglow su venice AWL GRIP ?

Grazie. Luisa

Luisa   aprile 25. 2016 12:36

Mi sembra ok, ti chiedo: una volta bagnato il panno come ti accorgi che devi bagnarlo ancora ? quanti mq ca. ?

Lucio   maggio 24. 2016 18:07

@Lucio, te ne accorgi perché non scivola più. Come se fosse un pennello con della vernice. Vedrai che te ne accorgerai facilmente

Roberto Minoia   maggio 24. 2016 18:21

@Luisa, scusa se rispondo solo ora (non mi ero accorto del tuo commento)
No, non ho esperienza, ma sicuramente funziona lo stesso. Però immaginavo che la verniciatura con AWL GRIP fosse definitiva e non si rovinasse mai.....

Roberto Minoia   maggio 24. 2016 18:22

Add comment


 

[b][/b] - [i][/i] - [u][/u]- [quote][/quote]



Nota: Per problemi di Spam i commenti sono moderati, quindi non saranno immediatamente visibili.

Comments are moderated. Spammers will be censored!

Post in evidenza

Pannelli fotovoltaici flessibili

Recensione di leggerissimi pannelli flessibili in silicio policristallino ad alto rendimento. Kit completi di regolatore e accessori a prezzo scontato per i lettori del blog

blog.veleggiando.it
Il Generatore Eolico

Come scegliere un Generatore Eolico per la barca. Il confronto tra diversi modelli in commercio vede uscire vittorioso il Silentwind, che infatti era il più diffuso tra i partecipanti alla ARC 2015

blog.veleggiando.it
La regolazione delle vele

Un breve articolo in 2 puntate che spiega i concetti base della regolazione delle vele

blog.veleggiando.it
I consumi elettrici e le batterie

Conoscere i consumi elettrici a bordo è importante per calcolare l'autonomia delle batterie servizi. Ecco come fare

blog.veleggiando.it
Sali a bordo con me

Vuoi trascorrere un piacevole fine settimana a bordo di Aonami? Leggi qui le 'regole di ingaggio'

blog.veleggiando.it

Abbonamenti

Categorie

Translations

Parole chiave (Tags)