Mappa degli attacchi dei pirati sulle rotte del giro del mondo

20 ottobre 2012 - autore

Mappa attacchi dei pirati

Sembra assurdo, ma purtroppo è vero: negli ultimi 10 anni è tornato alla ribalta un problema che si pensava praticamente risolto da oltre un secolo.

Gli attacchi di pirateria in mare, perpetrati ai danni di navi mercantili e perfino di yacht da diporto, sono tornati ad essere un vero problema per la navigazione.

Per quanto concerne le imbarcazioni da diporto, questi attacchi spesso si risolvono semplicemente con un abbordaggio e conseguente rapina di oggetti di valore a bordo delle imbarcazioni, tuttavia non sono rari episodi di violenza che in alcuni casi sono arrivati a provocare vittime tra i crocieristi.

Chi sta facendo un giro del mondo a vela, o anche chi lo sta solo pianificando, deve ormai considerare alcune zone e alcune rotte come a rischio pirati, ed evitarle di conseguenza.

Da alcuni anni, per esempio, è sconsigliato Transitare dal Mar Rosso e Canale di Suez alle imbarcazioni che dall’Oceano Indiano vogliono entrare in Mediterraneo.

Una tipica lancia dei pirati Fino a pochi anni fa le zone da evitare erano relativamente piccole e circoscritte alle coste della Somalia, Golfo di Aden e la zona di mare antistante il Venezuela. Da qualche tempo, tuttavia, i pirati si sono organizzati con barche a motore sempre più grandi e potenti, con maggior velocità ed autonomia (spesso si tratta di motoryachts rubati) ed hanno cominciato a pattugliare aree di mare molto più vaste, spingendosi nell’Oceano Indiano fino alle Maldive occidentali, e verso sud fino al Madagascar.

La superficie di oceano a rischio pirateria è ormai vastissima: si parla di poco meno di 10 milioni di chilometri quadrati, cioè un’area maggiore della superficie del continente europeo! Questa vasta area è pattugliata costantemente da una trentina di navi militari, che ovviamente sono insufficienti.

Nei primi 9 mesi del 2012 sono stati registrati ufficialmente 225 attacchi a navi e imbarcazioni (dati aggiornati al 24 settembre 2012).

Il fenomeno è costantemente monitorato e tenuto sotto controllo dalla sezione Commercial Crime Services della  Internetional Chamber Of Commerce, che ha anche un account su Twitter per segnalare gli attacchi in tempo reale. Gli episodi di pirateria vengono registrati e visualizzati su una mappa.

Sono riuscito anche a scovare un documento dell’ISAF (International Sailing Federation) che sconsiglia vivamente ai velisti di navigare nelle zone pericolose e, tra le altre cose, riporta un elenco di alcuni attacchi a velisti conclusisi con l’assassinio di membri dell’equipaggio. Clicca qui per scaricare il PDF.


Be the first to rate this post

  • Currently 0/5 Stars.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Related posts

Add comment


 

[b][/b] - [i][/i] - [u][/u]- [quote][/quote]



Nota: Per problemi di Spam i commenti sono moderati, quindi non saranno immediatamente visibili.

Comments are moderated. Spammers will be censored!

Post in evidenza

Pannelli fotovoltaici flessibili

Recensione di leggerissimi pannelli flessibili in silicio policristallino ad alto rendimento. Kit completi di regolatore e accessori a prezzo scontato per i lettori del blog

blog.veleggiando.it
Il Generatore Eolico

Come scegliere un Generatore Eolico per la barca. Il confronto tra diversi modelli in commercio vede uscire vittorioso il Silentwind, che infatti era il più diffuso tra i partecipanti alla ARC 2015

blog.veleggiando.it
La regolazione delle vele

Un breve articolo in 2 puntate che spiega i concetti base della regolazione delle vele

blog.veleggiando.it
I consumi elettrici e le batterie

Conoscere i consumi elettrici a bordo è importante per calcolare l'autonomia delle batterie servizi. Ecco come fare

blog.veleggiando.it
Sali a bordo con me

Vuoi trascorrere un piacevole fine settimana a bordo di Aonami? Leggi qui le 'regole di ingaggio'

blog.veleggiando.it

Abbonamenti

Categorie

Translations

Parole chiave (Tags)