Fare il pane a bordo

28 dicembre 2008 - autore

Pane fatto in casa

Era da tanto che volevo provarci ed oggi, finalmente, ho trovato il tempo e la voglia di farlo.

Spesso in barca d'estate passiamo giorni e giorni (fino ad una settimana) in rada, senza riuscire ad entrare in un porto a far provviste. Ciò che mi pesa maggiormente in questa circostanza è la mancanza di pane fresco.

E' vero che in Corsica il pane è ottimo e si mantiene per diversi giorni, ma... ve l'immaginate la soddisfazione di farsi il pane a bordo?

Beh, ad esser sinceri c'è un po' il problema del forno, che d'estate col caldo che fa è meglio non accendere, però, come si dice? Impara l'arte e mettila da parte. Ed io sono uno che deve provare a far tutto nella vita. Allora perché non provare a fare il pane?

Il primo esperimento non è andato male, anzi! Il risultato, come potete vedere dalle foto (anche se non rendono giustizia al prodotto, visto che sono state fatte col cellulare), è andato oltre ogni (mia) aspettativa.

Il pane è risultato davvero buono, croccante in superficie e con mollica soffice ma compatta. Sicuramente meglio di molte pagnotte acquistate a caro prezzo nelle panetterie milanesi.

Ma veniamo alla ricetta. Gli ingredienti sono i seguenti:

  • 250 g di farina "Manitoba"
  • 100 g di farina di grano duro
  • 210 ml acqua 
  • 1,5 cucchiaini di sale
  • 1,5 cucchiaini di zucchero
  • 5 g di lievito di birra liofilizzato (io ho usato il "Mastro Fornaio"Wink

Impastate insieme gli ingredienti, avendo cura di usare acqua appena tiepida (la temperatura giusta sarebbe tra i 25 e i 30 gradi). Mi raccomando lo zucchero: anche io ho storto un po' il naso quando ho letto la ricetta, ma è estremamente importante per il processo di lievitazione. Quindi non abbiate paura, perché non si sentirà affatto il sapore dolce nel prodotto finale.

Impastate per almeno 15-20 minuti, fino ad ottenere un impasto compatto ed omogeneo. Non deve essere appiccicoso in superficie ma nemmeno troppo secco. Al limite aggiungete un po' di farina o acqua a piccole dosi fino ad ottenere la consistenza esatta.

Lasciare quindi riposare il tutto, coperto da uno strofinaccio, per un'ora ad una temperatura di 25-30 gradi. Io ho infilato l'impasto nel forno elettrico lasciando accesa la lampadina in modo da alzare leggermente la temperatura interna.

Dopo un'ora l'impasto avrà raddoppiato il volume di partenza.

Proseguire quindi impastando ancora per altri 10-15 minuti e lasciare quindi riposare ancora per mezz'ora (seconda lievitazione)

Alla fine, stendere l'impasto sulla teglia del forno precedentemente cosparsa con un po' di farina, dividere in due parti l'impasto e dargli la forma di pagnottelle.

Lasciare ancora lievitare per una mezz'ora, quindi operare una incisione a croce sulla sommità delle pagnotte con una lama ben affilata. Il taglio deve essere profondo circa un centimetro

Infornare nel forno già caldo a 220 gradi per i primi 15 minuti, e successivamente abbassarlo a 180 gradi per altri 25 minuti (tempo di cottura totale 40 minuti)

Sarebbe meglio mettere nel ripiano basso del forno un pentolino d'acqua, in modo da mantenere nel forno un carto grado di umidità per non far seccare troppo il pane in superficie.

Sfornare le pagnotte e metterle subito a raffreddare su una griglia, per fare evaporare l'umidità in eccesso.

 

Pane fatto in casa

Ho ottenuto in tutto circa 450 grammi di pane davvero ottimo. Provare per credere.

Prossimamente farò delle prove cambiando le percentuali di farina (vorrei aumentare quella di grano duro per avere un pane un po' più "casereccio"Wink e modificando il processo di lievitazione, per vedere come cambia di conseguenza il pane.

Stay tuned!


Be the first to rate this post

  • Currently 0/5 Stars.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Related posts

Comments

Ciao Roberto,
prima di tutto tanti auguri a te e alla tua famiglia...
io faccio il pane a bordo da un anno oramai... ho smesso di comprarlo. Come dici tu giustamente, costa meno, è più buono e dura di più!
Dopo varie sperimentazioni ho eletto a preferite due ricette, se vuoi provarle puoi trovarle sul Giornale del Cibo, ce ne sono due il Pane senza impasto che è anche fotografata passo passo qui www.ilgiornaledelcibo.it/gallery/igallery.asp?d=\fr+-+pane+casalingo+senza+impasto+(samoa)\, e il Pane dell'emergenza.
Aspetto di vedere i tuoi progressi, ma mi sembra che già il primo risultato sia ottimo...

Valeria   dicembre 28. 2008 19:06

Bravo Roberto, ti devo qualcosa per l'idea dell'ormeggio "ad Y" e anche questa cosa del pane la devo provare!

ciao

Francesco   dicembre 28. 2008 20:02

Ciao Valeria e grazie dei complimenti. Contraccambio gli auguri e volo a vedere i siti che mi hai segnalato. A presto!

Roberto Minoia   dicembre 28. 2008 20:04

Ciao Roberto
complimenti per il tuo esperimento il tuo pane ha un aspetto molto inviante!
purtroppo non ho il forno in barca!
sonia

sonia   dicembre 28. 2008 20:32

mi piacerebbe sapere da Roberta che farina ha usato!
eva

eva   aprile 3. 2012 17:02

Ahahahah Smile
Roberta risponde:
"Ciao Eva, ho usato la farina Manitoba, che dà migliori risultati, in quanto è una farina più forte e quindi garantisce una lievitazione migliore!"

(di' la verità: non te l'aspettavi, eh??? Wink )

Roberto Minoia   aprile 3. 2012 17:09

no, davvero, stasera provo subito!
merci
eva

eva   aprile 3. 2012 17:34

Però da allora ho fatto nuove esperienze. Se vuoi ti dico come farlo in modo che venga meglio di questo che vedi nell'articolo...

Roberto Minoia   aprile 3. 2012 17:36

Mi piacerebbe molto saperne di più, se ti va scrivimi su evaemauro@yahoo.it
Grazie!

Eva   aprile 3. 2012 19:05

Dimmi dimmi!!! evaemauro@yahoo.it

Eva   aprile 3. 2012 21:40

ok domani ti scrivo Smile

Roberto Minoia   aprile 3. 2012 21:42

Add comment


 

[b][/b] - [i][/i] - [u][/u]- [quote][/quote]



Nota: Per problemi di Spam i commenti sono moderati, quindi non saranno immediatamente visibili.

Comments are moderated. Spammers will be censored!

Post in evidenza

Pannelli fotovoltaici flessibili

Recensione di leggerissimi pannelli flessibili in silicio policristallino ad alto rendimento. Kit completi di regolatore e accessori a prezzo scontato per i lettori del blog

blog.veleggiando.it
Il Generatore Eolico

Come scegliere un Generatore Eolico per la barca. Il confronto tra diversi modelli in commercio vede uscire vittorioso il Silentwind, che infatti era il più diffuso tra i partecipanti alla ARC 2015

blog.veleggiando.it
La regolazione delle vele

Un breve articolo in 2 puntate che spiega i concetti base della regolazione delle vele

blog.veleggiando.it
I consumi elettrici e le batterie

Conoscere i consumi elettrici a bordo è importante per calcolare l'autonomia delle batterie servizi. Ecco come fare

blog.veleggiando.it
Sali a bordo con me

Vuoi trascorrere un piacevole fine settimana a bordo di Aonami? Leggi qui le 'regole di ingaggio'

blog.veleggiando.it

Abbonamenti

Categorie

Translations

Parole chiave (Tags)