Storm Bag - Tormentina per avvolgifiocco

8 gennaio 2018 - autore

 

storm-bag-video

 

La mia preoccupazione in barca a vela è sempre stata quella di essere sempre pronto ad affrontare una situazione di cattivo tempo.

Anche avere tre mani alla randa spesso non è sufficiente: infatti se è necessario bolinare stretto, per avanzare è indispensabile avere una piccola vela anche a prua, altrimenti la barca diventa troppo orziera, e la sola randa senza l'aiuto della vela di prua non sviluppa sufficiente potenza per avanzare contro onde e vento.

Sono sempre stato favorevole alla trinchetta - magari avvolgibile - armata su un secondo strallo di prua, e sono ancora convinto che questa sia la soluzione migliore, più comoda ed efficiente per affrontare qualsiasi tempo (o quasi).

Purtroppo, se la barca non è già stata attrezzata dal cantiere, questa soluzione è costosa e spesso problematica da realizzare, in quanto bisogna studiare attentamente dove far realizzare la landa in coperta, rinforzando eventualmente anche tutta la zona per non avere brutte sorprese quando meno ce ne sarebbe bisogno. Spesso potrebbero servire anche delle sartie volanti per compensare la forza esercitata sull'albero in un punto dove questa non era stata prevista.

Insomma, non è semplice, bisogna fidarsi di chi ci realizzerà la messa in opera e il costo non è certo basso. Se non siamo navigatori oceanici, inoltre, la trinchetta o tormentina ci serviranno ben poche volte, in quanto saremo certo attenti ad evitare di navigare nelle giornate in cui è previsto tempo brutto.

stormbag

La Storm Bag, invece, è una tormentina che non ha bisogno di nulla per essere utilizzata. E' contenuta in una borsa che si applica intorno allo strallo di prua: dopo avere avvolto il genoa, si portano le scotte (incluse nella valigetta) in pozzetto, facendole passare nello stesso circuito delle scotte del genoa (tanto non si danno fastidio), e infine si issa mentre si cazza la scotta sottovento.

In meno di 5 minuti la tormentina è armata e perfettamente a segno, pronta per darvi tutta la sicurezza e la fiducia nella vostra barca di cui si necessita in questi casi.

Sento parlare di questa vela da molti anni, e finalmente recentemente ne ho acquistata una per provarla. Come tutti i prodotti che recensisco in questo blog e che trovate in vendita su Negozio Equo, anche in questo caso prima di proporre questa vela ho voluto "toccare con mano" la sua presunta efficacia.

Di test positivi sulle varie riviste specializzate ne ho letti moltissimi, ma si sa... le riviste non sempre sono obiettive, ma devo dire che le caratteristiche di questa tormentina mi piacevano anche sulla carta. Ecco quali sono, secondo me:

  • Efficienza aerodinamica. Il fatto di essere una vela "doppia" che viene avvolta sullo strallo di prua, potrebbe dare un'idea di inefficienza a causa del bordo d'attacco troppo spesso. Ma ciò si rivela infondato, anzi, è esattamente l'incontrario in quanto le due superfici della vela  (sottovento e sopravvento) si raccordano con una curvatura imposta dalla forza aerodinamica del vento, assumendo un profilo alare perfetto, simile a quello delle ali degli uccelli. Il risultato è che la forza propulsiva della Storm Bag è addirittura superiore a quella di una tormentina di uguale superficie, poiché quest'ultima inferita sullo strallo è tagliata molto piatta e perde potenza vicino al bordo d'attacco, cioè proprio dove la forza propulsiva serve maggiormente in quanto è diretta nella direzione e verso di avanzamento della barca, e quindi non provoca sbandamento.
  • Facilità di utilizzo. Si arma davvero in 5 minuti, che dopo un po' di pratica diventano anche meno. Un po' più laborioso invece risulta il ripiegamento all'interno della borsa. Sia chiaro, nulla di complicato, però per piegare bene la Storm Bag bisogna avere spazio a sufficienza, quindi si finisce sempre per farlo una volta arrivati a terra. Questo tuttavia non è un difetto fondamentale, infatti a terra ci siamo arrivati, e ci siamo arrivati bene, e questa è la cosa principale!
  • Equilibrio incredibile della barca nelle andature di bolina. Con randa ridotta (sulla mia barca sono sufficienti 2 mani fino a 30 nodi di apparente), la Storm Bag a prua ha principalmente il compito di stabilizzare il comportamento della barca, compensando la forte tendenza orziera impressa dalla randa e rendendola di fatto molto più manovrabile e neutra al timone. Oltre a ciò, la Storm Bag ha l'importante compito di deviare il flusso d'aria di bolina convogliandolo sull'extradosso della randa (lato di sottovento), rendendo di fatto molto più efficiente la sua spinta (vedi il teorema di Bernoulli). Avete presente l'armo dei piccoli catamarani, tipo gli 'Hobie Cat? Hanno una randa molto grande e un fiocco piccolissimo. Il principio è esattamente lo stesso. Se avete provato ad utilizzarne uno, saprete certamente quanta differenza ci sia tra la navigazione di bolina con la sola randa, oppure con quel piccolo fazzoletto a prua: la barca procede a velocità doppia con il fiocco, pur avendo quella superficie ridicola!
  • In caso di vento forte proveniente dal traverso e fino al giardinetto, la randa si potrà al limite anche ammainare completamente e la Storm Bag farà ugualmente procedere la barca a velocità di tutto rispetto, in assoluta sicurezza e senza rischio di dolorose (per attrezzatura ed equipaggio) strambate involontarie.

Storm-bag-tormentina-come-si-piega

Ho utilizzato la Storm Bag per la prima volta la scorsa estate attraversando le Bocche di Bonifacio dalla Sardegna (Asinara) alla costa sud-occidentale della Corsica. Era previsto vento da est forza 5, ma invece come spesso accade in quel tratto di mare, si è rivelato essere un forza 6-7, con onde molto ripide. La nostra andatura era di bolina molto stretta (25-35 gradi) ed il vento apparente era mediamente intorno ai 30 nodi, con raffiche oltre 35.

Il vento è rinforzato durante la navigazione e, prima di decidere di armare la Storm Bag, la barca stava procedendo con due mani alla randa e genoa parzialmente rollato. Si navigava bene, ma la barca era sbandata di circa 30 gradi e il timone era abbastanza duro e dovevo tenerlo alla poggia di diversi gradi per far procedere la barca dritta.

Appena abbiamo armato la Storm Bag, la vita a bordo è cambiata in meglio: la barca ora era piegata solo di circa 20 gradi, anche qualcosa in meno depotenziando un po' la randa. La Storm Bag era molto cazzata e questo è servito a rendere neutra la barca, infatti il timone ora era pressoché al centro. Ma la cosa quasi incredibile è che, nonostante la superficie della vela di prua fosse inferiore a quella precedente (genoa parzialmente rollato), la velocità non ne ha risentito minimamente, rimanendo sempre superiore a 7 nodi, nonostante la forte resistenza creata dalle onde ripide.

Avrei voluto fare un video, ma si sa, in quelle condizioni un po' "scomode" nessuno ha voglia di andare a prendere la videocamera, pertanto vi dovete accontentare di un breve filmato girato un paio di ore prima, quando le condizioni erano ancora ben gestibili senza la Storm Bag (vento apparente tra 20 e 25 nodi). Voi penserete "e cosa c'entra questo video con la Storm Bag?" Avete pienamente ragione, ma in questi freddi mesi invernali rivedere quei pochi secondi di video mi rende felice. Spero abbia lo stesso effetto anche sul vostro morale Smile

 

Devo dire che in seguito ho provato la Storm Bag anche in condizioni più maneggevoli, diciamo sempre di bolina con apparente di 20 nodi e cioè le condizioni in cui con la mia barca devo avere già preso una mano alla randa e dato 2-3 giri al rollafiocco. Con la Storm Bag e randa piena la barca filava come un treno e, anche in questo caso, risultava essere molto più maneggevole.

 

In definitiva posso dire che la Storm Bag effettivamente è una soluzione interessante per chi ricerca la sicurezza in mare. Se vincete la pigrizia e accettate di lavorare quei cinque minuti necessari per armarla, è una vela che vi potrà dare molte soddisfazioni anche utilizzata in situazioni non critiche, ogni qualvolta vi troverete nelle condizioni di dover ridurre la vela di prua. A tutto vantaggio del confort a bordo e della stabilità di rotta. Anche perché, va detto, pur non costando come l'installazione di un secondo strallo di prua e relativa ferramenta, questa vela non è certo regalata.

Ma comunque, se la comprerete da www.negozioequo.com qualche vantaggio economico l'avrete Wink

Chiamatemi pure al numero 392 5078006 per informazioni.

Buona visione

storm-bag-video

Currently rated 5.0/5  (3 votanti)

  • Currently 5/5 Stars.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Related posts

Comments

Add comment


 

[b][/b] - [i][/i] - [u][/u]- [quote][/quote]



Nota: Per problemi di Spam i commenti sono moderati, quindi non saranno immediatamente visibili.

Comments are moderated. Spammers will be censored!

Post in evidenza

Pannelli fotovoltaici flessibili

Recensione di leggerissimi pannelli flessibili in silicio policristallino ad alto rendimento. Kit completi di regolatore e accessori a prezzo scontato per i lettori del blog

blog.veleggiando.it
Il Generatore Eolico

Come scegliere un Generatore Eolico per la barca. Il confronto tra diversi modelli in commercio vede uscire vittorioso il Silentwind, che infatti era il più diffuso tra i partecipanti alla ARC 2015

blog.veleggiando.it
La regolazione delle vele

Un breve articolo in 2 puntate che spiega i concetti base della regolazione delle vele

blog.veleggiando.it
I consumi elettrici e le batterie

Conoscere i consumi elettrici a bordo è importante per calcolare l'autonomia delle batterie servizi. Ecco come fare

blog.veleggiando.it
Sali a bordo con me

Vuoi trascorrere un piacevole fine settimana a bordo di Aonami? Leggi qui le 'regole di ingaggio'

blog.veleggiando.it

Abbonamenti

Categorie

Translations

Parole chiave (Tags)